Farmaci per curare gli attacchi di panico e l’ansia

FARMACI PER “CURARE” ATTACCHI DI PANICO E ANSIA

COME CURARE CON I FARMACI GLI ATTACCHI DI PANICO E L’ANSIA
 

Curare gli attacchi di panico con i farmaci

Chiunque può sviluppare un problema psicologico – voi, un familiare, un amico o un collega. Alcuni disturbi psicologici sono lievi, altri sono gravi e più duraturi, ma tutti possono essere diagnosticati e trattati con efficacia.

 

La maggior parte delle persone ritornano a vivere la loro vita “normale” dopo un adeguato trattamento.

I farmaci psichiatrici sono (a volte) un elemento importante nel successo del trattamento di alcuni disturbi mentali.
 

Nonostante già il loro nome lo indichi, i farmaci psichiatrici sono troppo spesso prescritti dal semplice medico di base. Tuttavia, il trattamento migliore e più efficace per un problema di salute psicologico è dato un professionista della salute mentale – uno psichiatra, psicologo, uno psicoterapeuta specializzato. Da ricordare comunque che, se necessario, solo uno psichiatra può prescrivere farmaci nella maggior parte degli stati, i farmaci sono solo un sostegno di trattamento nella cura dei disturbi di ansia e di attacchi di panico. La maggior parte dei problemi di salute mentale vengono trattati meglio non con gli farmaci, ma anche con l’integrazione di una psicoterapia allo stesso tempo.

I farmaci psichiatrici possono anche essere utili in alcune situazioni: se qualcuno è troppo depresso, per esempio, può avere difficoltà a comunicare durante la psicoterapia o counseling. Il farmaco giusto può migliorare i loro sintomi in modo che la persona possa rispondere ed interagire con il terapeuta. Per molti pazienti, una combinazione di psicoterapia e farmaci è di solito il metodo collaudato, più efficace di trattamento.

 

 

Farmaci per dare sollievo ai sintomi

Proprio come l’aspirina può ridurre la febbre senza curare l’infezione che provoca, i farmaci usati nei disturbi mentali agiscono attraverso il controllo dei sintomi. Ad esempio, farmaci come clorpromazina possono “disattivare le voci” sentite da alcune persone affette da psicosi e aiutarli a vedere la realtà in modo più chiaro. Gli antidepressivi possono sollevare dal buio, alleviare stati d’animo pesanti di depressione. Il grado di risposta dipende da una varietà di fattori legati all’individuo e al tipo di disturbo da trattare.

Quanto tempo la persona deve assumere il farmaco psicoterapeutico dipende dall’individuo e dal tipo di disordine. Molte persone depresse e ansiose possono avere bisogno di farmaci per un solo periodo – forse per diversi mesi – e poi poterle sospendere. Le persone con patologie come la schizofrenia potrebbe essere necessario assumere farmaci a tempo indeterminato.

Come ogni farmaco, i farmaci usati nei disturbi psicologici non producono lo stesso effetto in tutte le persone. Alcune persone possono rispondere meglio ad un farmaco rispetto ad un altro. Alcuni possono avere bisogno di dosi maggiori di altri. Alcuni farmaci hanno effetti collaterali pesanti, e altri sono più tollerati. Età, sesso, peso, chimica del corpo, malattie fisiche e loro trattamenti, tipo di dieta ed abitudini come il fumo, sono alcuni dei fattori che possono influenzare l’effetto di un farmaco.

Voi e la vostra famiglia potete aiutare il medico a trovare i farmaci più giusti per voi. Il medico ha bisogno di sapere la vostra storia medica, il tipo di altri farmaci che state assumendo, e i vostri progetti di vita come,ad esempio, quello di avere un bambino. Dopo aver preso il farmaco per un breve periodo, devono essere comunicati al medico i risultati positivi ottenuti così come gli effetti collaterali.

Sarebbe buona prassi che il paziente o un familiare ponesse al medico le seguenti domande quando un farmaco viene prescritto:

    * Qual è il nome del farmaco, e cosa dovrebbe fare?
    * Dopo quanto tempo ci si aspetta di vedere i risultati?
    * Che tipo di risultati sperimentati in termini di efficacia ha questo farmaco?
    * Quali sono gli effetti collaterali principali a breve termine di questo farmaco?
    * Questo farmaco ha effetti collaterali a lungo termine che si dovrebbe essere a conoscenza, come il diabete, effetti collaterali sulla sfera sessuale, o aumento di peso?
    * Ci sono modi per ridurre al minimo questi effetti collaterali?
    * Come e quando va assunto, e quando ho si smetterà di prenderlo?
    * Quali alimenti, bevande o altri farmaci si devo evitare durante l’assunzione del farmaco prescritto?
    * Dovrebbe essere assunto dopo i pasti o a stomaco vuoto?
    * Come si fa a monitorare questo farmaco? Ci sono dei test specifici eseguiti per aiutare a monitorare questo farmaco?
    * Come faremo a sapere quando è il momento di interrompere l’assunzione di questo farmaco, o se la dose dovrà essere cambiata…?
    * E ‘sicuro continuare ad assumere in contemporanea altri farmaci?

    * C’è qualcosa di specifico che dovrei evitare?
    * E ‘disponibile una versione generica di questo farmaco?
    * Cosa devo fare dimentico di assumere una dose di questo farmaco? Prenderla subito quando mi ricordo, o aspettare fino alla mia prossima dose regolarmente programmata?

 

Quali sono i migliori farmaci per gli attacchi di panico
I farmaci vengono spesso usati in combinazione con la psicoterapia per aiutare a ridurre i sintomi di attacchi di panico. I farmaci sono in genere prescritti per un periodo limitato di tempo, mentre si imparano nuove tecniche per trattare il disturbo. Non è possibile determinare un farmaco valido per tutti coloro che soffrono di attacco di panico, poiché i sintomi possono variare da persona a persona. Tuttavia, i farmaci antidepressivi e ansiolitici sono più frequentemente prescritti per il trattamento di attacchi di panico.

Gli antidepressivi sono spesso prescritti per contribuire a diminuire l’ansia e gli attacchi di panico. Questa classe di farmaci influenza taluni messaggeri chimici, o neurotrasmettitori, nel cervello. Alcuni neurotrasmettitori, come la serotonina, sono considerati ” squilibrati ” nei pazienti con disturbi dell’umore e d’ansia. Classi comuni di farmaci antidepressivi sono: gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), la serotonina e gli inibitori della ricaptazione della noradrenalina (SNRI), antidepressivi triciclici (TCA) e gli inibitori della monoamino-ossidasi (MAO), può aiutare a riportare questi neurotrasmettitori equilibrio.
I farmaci anti-ansia hanno un impatto simile sui neurotrasmettitori. Questi tipi di farmaci influenzano l’ acido gamma-aminobutirrico ( GABA ), i neurotrasmettitori, che sono in parte responsabili della regolazione del sonno, ansia e sensazioni di relax. Anche le benzodiazepine, sedativi o tranquillanti, sono noti per dare un effetto tranquillizzante. Farmaci anti-ansia possono ridurre rapidamente i sintomi di un attacco di panico, consentendo alla persona di sentirsi rapidamente più calma e più rilassata.

 

COME SI USANO GLI ANTIDEPRESSIVO NEL TRATTAMENTO DEL DISTURBO DI PANICO

 

Spesso, gli antidepressivi possono aiutare a migliorare i sintomi del disturbo di panico. Una classe di antidepressivi, inibitori della ricaptazione della serotonina (antidepressivi), sono spesso prescritti per il trattamento del disturbo di panico, ansia e attacchi di panico.
Gli  inibitori selettivi della serotonina o antidepressivi, si riferiscono ad una specifica classe di farmaci antidepressivi, usati per la prima volta nel 1980, per curare la depressione. Gli SSRI comprendono farmaci come il Prozac ( fluoxetina ), Paxil ( Paroxetina), Celexa ( Citalopram ), Lexapro ( Escitalopram ), Luvox ( fluvoxamina ), e Zoloft ( sertralina ).
Come suggerisce il nome, SSRI fanno agiscono sulla serotonina, che è una sostanza chimica naturale o neurotrasmettitore nel cervello. La serotonina è associata alla regolazione dell’umore ed è sbilanciata in coloro che hanno problemi di ansia. Gli antidepressivi agiscono unicamente sui livelli di serotonina, impedendo l’assorbimento da parte delle cellule nervose nel cervello. Per stabilizzare i livelli di serotonina, questi farmaci diminuiscono i sentimenti di ansia, regolano l’umore, e migliorano il sonno, sono quindi efficaci nella gestione di depressione e ansia.
A causa dell’ efficacia a lungo termine, limitati effetti collaterali, e risultati valicati dalla ricerca, gli antidepressivi sono il farmaco più comunemente prescritto per il disturbo di panico. Di seguito sono elencati i modi comuni in cui gli antidepressivi sono utilizzati nel trattamento del disturbo di panico.

Riduzione dei sintomi
In generale, ad una persona con disturbo di panico, vengono prescritti gli  antidepressivi per ridurre i sintomi fastidiosi,  per ridurre la frequenza e l’intensità degli attacchi di panico. Ridurre la gravità degli attacchi aiuta ad alleviare la paura associata a futuri attacchi, che è uno dei sintomi più debilitanti del disturbo di panico. Gli antidepressivi possono fare una grande differenza per una persona che ha paura di lasciare la casa o sta avendo difficoltà ad impegnarsi in altre attività necessarie.

Intraprendere una terapia adeguata
Partecipare ad attività di terapia e di auto -aiuto è una parte importante del processo di recupero. Strategie di auto -aiuto comprendono esercizi di respirazione e capacità di rilassamento. Un terapeuta qualificato, suggerisce una terapia cognitivo-comportamentale ( CBT ), che prevede lo sviluppo di nuovi modi di pensare e di comportarsi in modo da far fronte con disturbo di panico.
Gli studi indicano che solo CBT è così vantaggiosa, anche senza SSRI. CBT è un aiuto di lunga durata nella gestione dei sintomi, ma i farmaci possono aiutare a ridurre i sintomi rapidamente, consentendo di concentrarsi sulle tecniche. Quando i sintomi sono sotto controllo, ci si può sentire pronto a praticare la terapia di esposizione, l’ introduzione graduale alle situazioni fobiche, a costruire lentamente un senso di fiducia di fronte alla paura. Per molte persone con disturbo di panico, la terapia di esposizione è possibile solo con il sostegno che forniscono gli antidepressivi.

Trattamento di problemi concomitanti
L’uso di SSRI può servire non solo per combattere i sintomi del disturbo di panico, ma anche alleviare i problemi coesistenti. Altri problemi di salute mentale, quali depressione o diverse forme di ansia, sono spesso associati al disturbo di panico. Indicatori di un disturbo dell’umore includono sintomi come stanchezza, tristezza, e diminuito interesse nelle attività precedentemente piacevoli.
Anche i problemi di abuso di sostanze incidono sul disturbo di panico, in questi casi,  gli o antidepressivi possono essere prescritti in modo sicuro. A differenza dei sedativi, come Xanax, Ativan, o Valium, gli antidepressivi non provocano dipendenza. Dal momento che la dipendenza non è un problema, gli antidepressivi sono prescritti per periodi più lunghi di tempo, aumentando le possibilità di miglioramento.
Come con qualsiasi farmaco, ci sono alcuni rischi ed effetti collaterali associati agli antidepressivi. Alcuni effetti collaterali più gravi includono una maggiore probabilità di pensieri e comportamenti suicidari, reazioni allergiche, e complicazioni durante la gravidanza. Questi potenziali pericoli sono rari e devono essere tenuti sotto controllo dal medico. Alcuni degli effetti indesiderati più comuni sono nausea, mal di testa, cambiamenti di peso, e disfunzione sessuale. A causa della possibilità di creare  sonnolenza e vertigini, gli antidepressivi, devono essere  usati con  cautela durante la guida o quando si partecipa ad altre attività che richiedono attenzione.
Alcuni degli effetti collaterali che si verificano comunemente spesso scompaiono nel tempo. Può essere utile monitorare eventuali effetti collaterali,  durante l’assunzione di antidepressivi. Tali informazioni possono aiutare il medico a determinare se il dosaggio deve essere aggiustato. In genere, il medico inizierà ad abbassare o aumentare  il dosaggio, se necessario. Anche se si ritiene che il farmaco non funzioni, l’assunzione non deve mai essere interrotta bruscamente. Per evitare possibili complicanze, interrompete l’uso solo sotto la guida del proprio medico.
Generalmente, la maggior parte delle persone con disturbo di panico reagiranno positivamente agli antidepressivi.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme