Come capire e riconoscere un attacco di panico

 

Gli attacchi di panico improvvisi e ricorrenti sono i sintomi caratteristici del disturbo di panico;  ma, il contesto in cui si verificano gli attacchi di panico è importante quando si effettua una diagnosi. Gli attacchi di panico sono classificati in tre tipi :
-Attacchi di panico spontanei o inaspettati che si verificano spontaneamente o ” senza una causa” Nessun evento situazionale o ambientale è associato  all’attacco. Questi tipi di attacchi di panico possono comparire durante il sonno.
-Attacchi di panico relativi alla situazione che si verificano in caso di esposizione effettiva o anticipata a determinate situazioni. Queste situazioni diventano spunti per un episodio di panico. Ad esempio, un individuo che teme spazi chiusi sperimenta un attacco di panico quando entra, o pensa di entrare in un ascensore.
-Attacchi di panico sensibili alla situazione non si verificano sempre immediatamente dopo l’esposizione ad una situazione temuta, ma l’individuo ha più probabilità di avere un attacco in tali situazioni. Ad esempio, è possibile che una persona che ha paura di situazioni sociali, ma che non sperimenta un episodio di panico in ogni situazione sociale, o che sperimenta un attacco ritardato dopo essere stato in un ambiente sociale per un periodo di tempo prolungato.
Non è raro per una persona che ha il disturbo di panico sperimentare attacchi di panico in certe situazioni. Per poter parlare di una diagnosi di disturbo di panico, gli attacchi di panico devono essere inaspettati e ricorrenti.
Potrebbe non essere sempre chiaro quale tipo di attacco di panico una persona sta vivendo, pertanto, è anche importante considerare la propria attenzione per l’ansia. Nel disturbo di panico, il focus è sulla paura di un attacco di panico vero, a volte chiamata  “paura della paura “; se il focus dell’ ansia non è l’attacco di panico vero, è meno probabile che sia correlato al disturbo di panico.

Esclusione di altre malattie

I sintomi del disturbo di panico possono imitare molti disturbi psicologici, fisici o di altro tipo. Prima di fare una diagnosi di disturbo di panico, può essere necessario escludere malattie fisiche attraverso l’esame accurato da parte di un medico o uno specialista. Se non si trova una causa fisica per i sintomi, bisogna rivolgersi ad un professionista qualificato di salute mentale per un’ulteriore valutazione e diagnosi.

COME SI RICONOSCE IL DISTURBO DI PANICO

 
Secondo il DSM -5, ci Sono delle modifiche apportate ai criteri diagnostici per il disturbo di panico e agorafobia. Uno dei cambiamenti più significativi è che il disturbo di panico e agorafobia stanno per essere separati in due disturbi mentali distinti.
Qui ci sono altre modifiche da aspettarsi nel DSM -5 per il disturbo di panico e agorafobia :

Disturbo di Panico
I criteri diagnostici per il disturbo di panico rimangono invariati, con l’ eccezione della menzione di agorafobia. Il disturbo di panico è attualmente elencato nel DSM – IV – TR che  si possa verificare con o senza agorafobia. Questo titolo è stato modificato nella nuova edizione di ” disturbo di panico “,  e all’agorafobia si fa riferimento come un disturbo separato con una propria serie di criteri diagnostici distinti.

Il disturbo di panico continuerà ad essere definito da attacchi di panico ricorrenti. I criteri diagnostici richiedono anche che gli attacchi di panico siano seguiti da una preoccupazione incessante su come affrontare un altro attacco, cambiamenti nei comportamenti, nel tentativo di evitare futuri attacchi, o una combinazione di entrambe queste azioni per un mese o più. Ad esempio, una persona che ha avuto attacchi di panico può preoccuparsi di impazzire o di perdere il controllo durante il  prossimo attacco;  o una persona con disturbo di panico può evitare comportamenti che  ricordano i sintomi fisici di un attacco di panico.
Come la versione attuale del DSM, i criteri diagnostici recentemente proposti per il disturbo di panico menzionano anche che gli attacchi di panico non sono causati da effetti collaterali di una sostanza, come l’abuso di droghe o farmaci prescritti. Gli attacchi di panico, inoltre, non possono essere correlati ad una condizione medica, come ad esempio l’ipertiroidismo, né possono essere limitati ai sintomi di una condizione di salute mentale diversa, come ad esempio quando una persona con una fobia specifica che risponde a quella paura con i sintomi di panico, o quando una persona con disturbo d’ansia sociale si trova ad affrontare situazioni sociali.

Agorafobia
L’agorafobia è considerata una diagnosi codificabile nel DSM – 5, il che significa che è  un disturbo di salute mentale separato dal disturbo di panico e ha il proprio insieme di criteri diagnostici.

I criteri proposti per l’agorafobia nel DSM – 5 comprendono :

Criterio A : paura estrema o ansia relativa a due o più delle seguenti situazioni agorafobiche : 1 ) essere fuori casa da solo, 2) prendere mezzi di trasporto pubblici, come aerei, autobus, metropolitane, ecc, 3) paura degli spazi aperti, tra cui grandi parcheggi o mercati, 4 ) stare in negozi, teatri o cinema, o 5 ) stare  in piedi a fare la fila  con altre persone o di essere in mezzo ad una folla di persone.

Criterio B : La persona che ha paura, può inoltre evitare queste situazioni, perché sente che sarebbe difficile fuggire o chiedere aiuto, se dovesse sperimentare un attacco di panico o potrebbe addirittura svenire.

Criterio C : Queste situazioni provocano sempre elevati livelli di paura e preoccupazione.

Criterio D : Per far fronte a queste situazioni temute, la persona ha bisogno di essere accompagnata da un amico, vivrà la situazione con intensa preoccupazione e allarme, o deciderà di evitare  completamente queste situazioni.

Criterio E : La maggior parte delle persone con background culturali simili credono che la paura di una persona è molto più grande rispetto ai possibili rischi o pericoli connessi con la situazione.

Criterio F : La persona lotta con queste paure e preoccupazioni per 6 mesi o più.

Criterio G : Queste paure e comportamenti di evitamento hanno negativamente alterato il funzionamento globale della persona, anche sul lavoro e nelle relazioni.

Criterio H : Questi problemi non sono legati all’uso di una sostanza o di un problema medico.

Criterio I: I sintomi non sono legati a una condizione di salute mentale separata,  ad esempio, le persone con disturbo d’ansia sociale possono evitare di essere in ansia eccessiva in pubblico o con persone che hanno una fobia specifica.

 

COME CAPIRE SE SONO ATTACCHI DI PANICO E QUALI SONO I SEGNI PER RICONOSCERE IL DISTURBO

Come già detto, i sintomi di un attacco di panico appaiono improvvisamente e spesso sembra senza alcuna causa apparente. Essi possono includere:

 

–         battito cardiaco accelerato

–         dolori al petto

–         disturbi o peso allo stomaco

–         vertigini

–         stordimento

–         nausea

–         difficoltà a respirare o senso di soffocamento

–         Formicolìo o intorpidimento alle mani, alle braccia o alle gambe

–         vampate di calore

–         brividi di freddo

–         tremore e agitazione

–         senso di irrealtà

–         terrore: la sensazione che qualcosa di orribile stia per accadere e che si sia in potenti per prevenirlo

–         necessità di scappare o allontanarsi

–         paura di perdere il controllo

–         paura di fare qualcosa di imbarazzante

–         paura di svenire

–         paura di morire

 

Sebbene la durata di un attacco di panico può variare notevolmente, difficilmente durerà più di 20 minuti e raggiunge il picco massimo dopo circa 10 minuti dalla comparsa dei primi sintomi. Un attacco di panico è una condizione molto dolorosa che una persona sperimenta, e i suoi sintomi possono essere molto simili a quelli di un attacco cardiaco. Generalmente la maggior parte delle persone che hanno un attacco di panico avrà nuovi attacchi successivamente. Considerato che queste crisi si presentano senza una apparente causa, la persona inizierà ad avere paura in qualsiasi momento, pensando ad  una nuova crisi. Proprio questa paura ci permette di parlare del disturbo come “ disturbo di attacchi di panico”.

Esistono alcune condizioni mediche in cui si può presentare una crisi di panico, come in alcune alterazione della tiroide o anemia, così come con l’utilizzo di alcuni farmaci, i quali come effetto collaterale possono provocare grande agitazione. Esempi di tali farmaci sono ad esempio quelli stimolanti o i corticosteroidi; alcuni individui con problemi cardiaci in particolare quelli con prolasso della valvola mitrale possono sperimentare sintomi di panico.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme