Attacchi di panico e agorafobia

Che cosa è un attacco di panico?

Per ricevere una diagnosi di disturbo di panico, si deve in primo luogo stabilire se una persona sta vivendo gli attacchi di panico. Un attacco di panico è definito come un periodo preciso di intensa paura o disagio, in cui almeno quattro di 13 sintomi normali, si sviluppano improvvisamente e raggiungono un picco entro 10 minuti. Anche se i sintomi raggiungono il picco entro 10 minuti, regrediscono gradualmente nel corso di un periodo che dura da pochi minuti a circa una mezz’ora. In aggiunta a questi sintomi “ufficiali”, gli attacchi di panico possono essere accompagnati da altri sintomi (ad esempio, visione offuscata).

La lista ufficiale dei 13 sintomi di attacco di panico include:

battito cardiaco accelerato
sudorazione
tremori o agitazione
mancanza di respiro
sensazione di soffocamento
dolore o fastidio al petto
nausea o disturbi addominali
sensazione di sbandamento, di instabilità, o di svenimento
sensazione irreale
parestesie (cioè, intorpidimento o sensazione di formicolio)
brividi o vampate di calore
paura di morire
paura di impazzire o di perdere il controllo

Gli attacchi di panico si verificano in tutti i disturbi d’ansia, di solito innescati da una situazione temuta, o da un pensiero ansioso.  Infatti, anche le persone senza un disturbo d’ansia possono sperimentare attacchi di panico, di volta in volta (ad esempio, durante una presentazione formale o un esame, o in qualche altra situazione di stress). Gli attacchi di panico si verificano di frequente nella popolazione generale, infatti  alcuni studi dimostrano che fino a un terzo degli individui sperimentano un attacco di panico nel corso di un dato anno.
A differenza di molti attacchi di panico, che sono tipicamente innescati da stress, preoccupazioni, o situazioni temute, gli attacchi di panico che si verificano nel disturbo di panico si verificano spesso di punto in bianco, senza alcun innesco evidente o causa.

I criteri ufficiali per il Disturbo di Panico:

In base ai criteri della quarta edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, Text Revision (DSM-IV-TR, American Psychiatric Association, 2000)

• l’individuo deve vivere, gli attacchi di panico inaspettati o ricorrenti (vale a dire, gli attacchi di panico si verificano di punto in bianco, senza alcun evidente causa).

• l’individuo deve vivere un periodo di almeno un mese, in cui:

    1. è preoccupato di avere più attacchi di panico.

    2. è preoccupato per le conseguenze dei suoi attacchi (ad esempio, le preoccupazioni di morire, di avere un infarto o un ictus, svenimenti, diarrea, vomito, perdita di controllo, essere imbarazzato, ecc)

    3. cambia il suo comportamento a causa degli attacchi (ad esempio, evita situazioni temute, evita le attività che producono eccitazione, come il sesso e l’esercizio fisico, porta alcuni oggetti per sentirsi più a suo agio, ecc)

• deve essere accertato che i sintomi di panico non sono causati da una condizione medica (es. tiroide, diabete, disturbi cardiaci) o da un farmaco o una sostanza (ad esempio, l’uso di cocaina, caffeina, astinenza da alcool).

• deve essere stabilito che gli attacchi di panico non sono esclusivamente causa di un altro problema psicologico. Per esempio, se la persona ha un disturbo alimentare e tende ad avere attacchi di panico solo quando è preoccupato per il cibo o il peso, una diagnosi di disturbo di panico non è adatta.  

Che cosa è l’agorafobia?

C’è un equivoco poiché si dice che il termine si riferisce a una paura degli spazi aperti, questo non è vero. In realtà, la maggior parte delle persone con agorafobia hanno molta più paura degli spazi chiusi, come le gallerie, piccole stanze, e gli ascensori. Il termine agorafobia letteralmente significa “paura della piazza del mercato.” È interessante notare, supermercati, centri commerciali e altri luoghi affollati sono tra quelli spesso evitati da persone con agorafobia.

L’ Agorafobia è definito nel DSM-IV (American Psychiatric Association, 1994), come l’ansia di trovarsi in luoghi o situazioni in cui sarebbe difficile o potrebbe non essere possibile uscire in caso di un attacco di panico o di sintomi tipo panico. La maggior parte, ma non tutte, le persone con disturbo di panico sviluppano almeno un certo grado di agorafobia. In casi estremi, un individuo con disturbo di panico e agorafobia può essere completamente incapace di uscire di casa. Più in generale, le persone con agorafobia sperimentano alcune restrizioni a ciò che sono in grado di fare, ma sono in grado di uscire di casa, soprattutto se sono accompagnati da qualcuno che conoscono.

Alcune delle situazioni che sono spesso evitate da persone con disturbo di panico e agorafobia includono:

• Essere a poca distanza da casa
• Passeggiare per un centro commerciale affollato, lontano dalle uscite
• Andare in autobus, treno o metropolitana
• Volare su un aereo
• Stare seduto in un teatro,  o nel mezzo di una fila
• Andare a un concerto
• Assistere a un evento sportivo
• Camminare da solo nel quartiere
• Andare a una festa
• luoghi chiusi (per esempio, in ascensori, in galleria, camere piccole)
• Visitare un museo
• Camminare per   una strada affollata
• Guida su autostrade, strade cittadine, o altre strade
• L’attività sessuale

 

Le cause del Disturbo di panico e agorafobia
Fattori biologici

• attività cerebrale – studi attraverso una tecnica chiamata tomografia a emissione di positroni (PET) hanno dimostrato che le persone con disturbo di panico hanno diverse quantità di attività in particolari aree del cervello (in particolare una zona conosciuta come l’ippocampo), rispetto a persone senza disordine di panico. L’esatta natura di queste differenze non è completamente nota, e gli studi tendono ad avere risultati inconsistenti.

• I neurotrasmettitori – Un certo numero di neurotrasmettitori (cioè, messaggeri chimici che passano le informazioni da una cellula nervosa nel cervello  alla successiva) si pensa svolgano un ruolo nello sviluppo e nel mantenimento di attacchi di panico e disturbo di panico. Il neurotrasmettitore per il quale la prova è più forte è la noradrenalina. Ad esempio, le sostanze che aumentano la noradrenalina nel cervello (per esempio, l’inalazione di anidride carbonica) hanno dimostrato di scatenare attacchi di panico in persone con disturbo di panico. Inoltre, i farmaci che agiscono sul sistema, cioè la  noradrenalina  bloccano gli attacchi di panico. Oltre alla noradrenalina, altri neurotrasmettitori che possono contribuire al disturbo di panico includono serotonina e colecistochinina.

• Genetica -Infatti, se un individuo ha il disturbo di panico, i suoi parenti più stretti hanno circa tre volte più probabilità di sviluppare il disturbo di panico rispetto ad  un individuo che non ha il disturbo di panico. Inoltre, studi su gemelli identici e fraterni suggerisce che una delle ragioni che il disturbo di panico si trasmette di generazione in generazione, ha a che fare con il nostro patrimonio genetico. I fattori ambientali, quali l’apprendimento, possono anche contribuire alla tendenza per il disturbo di panico e si verificano in più membri della famiglia.

Fattori psicologici

• Errata interpretazione dei sintomi di panico – Le persone con disturbo di panico tendono a interpretare male i loro sintomi fisici, come un segno di pericolo. Ad esempio, il battito cardiaco accelerato dopo una corsa, può essere interpretato come un segnale che si sta avendo un attacco di cuore, le vertigini possono essere interpretate come un segno che uno è sul punto di svenire, sentimenti di irrealtà possono essere male interpretati, come segno di pazzia. Le  credenze ansiogene sul panico e sui sintomi correlati possono scatenare un attacco di panico,  in base ai sintomi che altrimenti potrebbero essere ignorati.

• Attenzione e Memoria – Le persone con disturbo di panico tendono a prestare particolare attenzione ai sintomi fisici che li spaventano. Ad esempio, possono eseguire la scansione dei loro corpi per i sintomi insoliti (ad esempio, vertigini, battito cardiaco), e così facendo, sono più propensi a notare questi sentimenti di altre persone. Gli individui con disturbo di panico sono anche più propensi a ricordare le informazioni che sono coerenti con le loro convinzioni sul panico. Ad esempio, possono ricordare storie di giovani atleti che hanno avuto un attacco di cuore durante l’attività fisica e utilizzare queste informazioni come prova che l’esercizio fisico è pericoloso.

• Esperienze di vita – lo stress della vita mette le persone a rischio di sviluppare attacchi di panico e disturbo di panico. Durante i periodi di stress (ad esempio, lo stress da lavoro, problemi coniugali, problemi di salute, esami a scuola), le persone con disturbo di panico spesso riportano attacchi di panico più frequenti e intensi. Inoltre, molte persone con disturbo di panico raccontano che i loro attacchi di panico sono iniziati a seguito di un periodo di stress (ad esempio, il divorzio, disoccupazione, laurea, ecc.)

Trattamenti efficaci per Disturbo di Panico e Agorafobia

Trattamenti biologici

Un certo numero di farmaci sono utili nel trattamento del disturbo di panico. Questi includono i farmaci antidepressivi così come i farmaci che sono tradizionalmente utilizzati per il trattamento di ansia. Esempi di farmaci che sono spesso utili per il disturbo di panico includono:
 a
Antidepressivi SSRI Citalopram
Fluoxetina
Fluvoxamina
Paroxetina
Sertralina Celexa
Prozac
Luvox
Paxil
Zoloft
Triciclici Clomipramine antidepressivo
Imipramina Anafranil
Tofranil
Altri antidepressivi Nefazodone
Venlafaxina
Serzone
Effexor
Farmaci ansiolitici Alprazolam
Clonazepam
Lorazepam Xanax
Klonapin o Rivotril
Ativan

La decisione se assumere farmaci per il disturbo di panico, e quali farmaci prendere, dovrebbe essere basata sulla storia passata del singolo trattamento, la storia medica di un individuo, le possibili interazioni tra il farmaco e  altri farmaci che la persona assume,  potenziali effetti collaterali, e altri fattori.

Trattamenti psicologici

Il tipo di trattamento psicologico che si è rivelato più utile nel trattamento del disturbo di panico è chiamata terapia comportamentale cognitiva (CBT). CBT comprende una serie di strategie utili, tra cui:

• Terapia Cognitivo – Permette di imparare a identificare i pensieri ansiosi e di sostituirli con pensieri più realistici. Ad esempio, se un individuo è convinto che sta avendo un attacco di cuore all’individuo deve essere insegnato a esaminare le prove.

  • L’esposizione a situazioni temute – questa tecnica, chiamata anche esposizione in vivo, comporta affrontare una situazione temuta più volte, fino a quando la situazione non innesca più paura. Ad esempio, un individuo che teme di avere attacchi di panico durante la guida, potrebbe essere incoraggiato a praticare la guida per una o due ore al giorno, fino a quando la guida non è più un problema. L’ esposizione funziona meglio quando si verifica frequentemente (ad esempio, più volte alla settimana), e dura abbastanza a lungo perchè il timore  diminuisca (fino a due ore).

    • Esposizione alle sensazioni temute- questa tecnica, chiamata anche esposizione introspettiva, insegna alle persone a confrontarsi con i sintomi temuti ripetutamente fino a quando i sintomi non provocano più paura. Per esempio, qualcuno che teme la sensazione di vertigini potrebbe essere incoraggiato in iperventilazione (cioè, respirare rapidamente) per brevi periodi (ad esempio, un minuto) per indurre le vertigini.

    • Riqualificazione della respirazione – questa tecnica insegna alle persone a rallentare il respiro. E ‘particolarmente utile per le persone che tendono ad iperventilare quando si sentono ansiose, provocando un aumento dei sintomi tipo panico.

    Trattamenti combinati

    In genere i farmaci e CBT funzionano bene nel breve termine, anche se alcune persone possono rispondere meglio ad un approccio o all’altro. Per molte persone, la combinazione di farmaci e CBT non funziona, anche se alcuni soggetti rispondono meglio al trattamento di combinazione. A lungo termine, CBT è probabilmente più efficace del farmaco per molti individui con disturbo di panico. Al termine del trattamento, i soggetti che sono stati trattati con CBT hanno meno probabilità di recidiva dei sintomi rispetto agli individui che sono stati trattati con il farmaco.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme
IL DVD DI AUTOCURARICHIEDILO